«

»

Delibera Commissione di Garanzia del 11 gennaio 2018

 

Nei precedenti nostri numeri avevamo accennato alla volontà  del Governo di voler mettere ulteriori paletti al diritto di sciopero dopo, in particolare, gli scioperi proclamati dalle sigle autonome contro l’abolizione del nostro RD 148. Eccoci al primo appuntamento.

La Commissione di Garanzia, nella seduta dell’11 gennaio 2018 ha adottato la delibera n. 18/01 andando a modificare, per il solo settore TPL, la legge n. 83 del 2000 e la n. 146 del 1990. Le modifiche, sotto elencate, sono scaturite sostanzialmente da un fatto ben specificato sulla delibera, ossia “la frammentazione sindacale che ha comportato un incremento significativo delle azioni di sciopero”. Da qui l’esigenza da parte della Commissione di mettere mano al diritto costituzionalmente garantito e alle leggi successive. Le carenze più rilevanti, si legge nella delibera, riguardano: l’inefficacia delle procedure di raffreddamento e di conciliazione, l’eccessiva frammentazione di alcuni dei periodi concomitanti con i grandi esodi legati alle ferie estive, l’ineguatezza degli intervalli tra l’effettuazione di una azione di sciopero e la proclamazione successiva, l’inidoneità delle misure previste per la preventiva comunicazione all’utenza da parte delle Aziende.   Ora vediamo nel dettaglio le modifiche principali apportate dalla Commissione di Garanzia:

  • obbligo di esperire la procedura di raffreddamento e il tentativo di conciliazione entro determinati termini prima della proclamazione dello sciopero
  • Intervallo: 20 giorni tra l’effettuazione di due azioni di sciopero incidenti sul medesimo bacino di utenza  e 3 giorni  tra l’effettuazione di una azione di sciopero e la proclamazione successiva
  • Franchigia: saranno esclusi dagli scioperi i seguenti periodi: dal 17 dicembre al 7 gennaio; dal 27 giugno al 4 luglio e dal 28 luglio al 3 settembre, dal 30 ottobre al 5 novembre;  le 5 giornate che precedono Pasqua; i 3 giorni che precedono e che seguono le consultazioni elettorali
  • Divieto di scioperi a scacchiera ossia articolati per unità produttive o singole categorie o profili professionali

       Arriveremo al punto di scioperare per il diritto di scioperare!