Arrigo Giana eletto presidente di Agens (Agenzia Confederale dei trasporti e dei servizi)

 

Arrigo Giana, Direttore Generale di ATM di Milano, presiederà l’associazione da oggi fino al 2022; eletto con ampia maggioranza dai Soci dell’Agens quali: Amt SpA, Ast SpA, Atac SpA, Ataf Gestioni srl, Atc Esercizio SpA, Atm SpA con socio unico, Atp Esercizio srl, Autoguidovie SpA, Busitalia Campania SpA, Busitalia Simet SpA, Busitalia – Sita Nord srl, Busitalia Veneto, Co.tra.l. SpA, Dolomiti Bus SpA, Ferrovie dello Stato Italiane SpA, Ferservizi SpA, Italferr SpA, Mercitalia Logistics SpA, Rete Ferroviaria Italiana SpA, Riviera Trasporti SpA, Serfer srl, TPL Linea srl, Trenitalia SpA, Trenord srl.

 

“Ho accettato la proposta dei soci di Agens che mi hanno eletto – dichiara il neo-Presidente appena uscito dall’Assemblea – perché il compito che abbiamo davanti è di grande rilievo e per questo difficile: si tratta di accompagnare e rappresentare al meglio lo sforzo che le aziende nostre associate stanno facendo per interpretare e affrontare i mutamenti in corso e quelli che verranno nel settore dei trasporti”. “Apertura completa del mercato, sfida tecnologica, l’impegno dei nostri soci per la solidità delle aziende e per una crescente capacità competitiva, – prosegue Giana con convinzione -, aziende che sanno superare le crisi, quando le attraversano, efficientarsi e tenere alta l’asticella del servizio ai cittadini”.

 

“E’ un impegno notevole per il quale Agens deve fare la sua parte, soprattutto come incubatore e diffusore di rinnovata cultura di sistema; noi siamo inoltre chiamati a collaborare con le Aziende anche sul terreno della responsabilità sociale: migliorare i trasporti vuol dire, infatti, incidere sulla qualità della vita delle persone, impegnarsi sulle energie ecosostenibili; per la qualità dell’ambiente, accompagnare la trasformazione di un sistema di aziende molecolari in un modello integrato che offra interoperabilità, integrazione dei trasporti, “door to door”. Questo è l’orizzonte entro il quale anche noi ci muoviamo”.

 

“Gli strumenti – dice ancora Giana – sono quelli dell’innovazione e del dialogo; perché l’obiettivo ultimo delle azioni che compiamo sono i cittadini. E noi dobbiamo contribuire a diffondere una cultura dei trasporti per la quale se un cittadino vuole raggiungere Catania da Casalpusterlengo può farlo in ogni caso, con modalità di informazione, di prenotazione e di spostamento semplici, dirette, integrate a prescindere dalle aziende che la offrono”. “L’impegno è dunque molto significativo – conclude Giana – e per perseguirlo Agens assicura al Governo, alle forze parlamentari, alle Organizzazioni sindacali nostre interlocutrici, il massimo di lealtà, concretezza e ascolto, alla ricerca di soluzioni utili per il Paese. Chiediamo naturalmente la reciprocità di tutto questo”.

Delibera Commissione di Garanzia del 11 gennaio 2018

 

Nei precedenti nostri numeri avevamo accennato alla volontà  del Governo di voler mettere ulteriori paletti al diritto di sciopero dopo, in particolare, gli scioperi proclamati dalle sigle autonome contro l’abolizione del nostro RD 148. Eccoci al primo appuntamento.

La Commissione di Garanzia, nella seduta dell’11 gennaio 2018 ha adottato la delibera n. 18/01 andando a modificare, per il solo settore TPL, la legge n. 83 del 2000 e la n. 146 del 1990. Le modifiche, sotto elencate, sono scaturite sostanzialmente da un fatto ben specificato sulla delibera, ossia “la frammentazione sindacale che ha comportato un incremento significativo delle azioni di sciopero”. Da qui l’esigenza da parte della Commissione di mettere mano al diritto costituzionalmente garantito e alle leggi successive. Le carenze più rilevanti, si legge nella delibera, riguardano: l’inefficacia delle procedure di raffreddamento e di conciliazione, l’eccessiva frammentazione di alcuni dei periodi concomitanti con i grandi esodi legati alle ferie estive, l’ineguatezza degli intervalli tra l’effettuazione di una azione di sciopero e la proclamazione successiva, l’inidoneità delle misure previste per la preventiva comunicazione all’utenza da parte delle Aziende.   Ora vediamo nel dettaglio le modifiche principali apportate dalla Commissione di Garanzia:

  • obbligo di esperire la procedura di raffreddamento e il tentativo di conciliazione entro determinati termini prima della proclamazione dello sciopero
  • Intervallo: 20 giorni tra l’effettuazione di due azioni di sciopero incidenti sul medesimo bacino di utenza  e 3 giorni  tra l’effettuazione di una azione di sciopero e la proclamazione successiva
  • Franchigia: saranno esclusi dagli scioperi i seguenti periodi: dal 17 dicembre al 7 gennaio; dal 27 giugno al 4 luglio e dal 28 luglio al 3 settembre, dal 30 ottobre al 5 novembre;  le 5 giornate che precedono Pasqua; i 3 giorni che precedono e che seguono le consultazioni elettorali
  • Divieto di scioperi a scacchiera ossia articolati per unità produttive o singole categorie o profili professionali

       Arriveremo al punto di scioperare per il diritto di scioperare!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pensioni: novità 2018

Leggi tutto »

Detrazioni sugli abbonamenti ai trasporti pubblici 2018

Leggi tutto »

Comunicato Stampa 26 Luglio 2017

Leggi tutto »

Volantino R.D. 148

Leggi tutto »

Volantino sciopero 6 Luglio 2017

Leggi tutto »

Presidio a Roma

Leggi tutto »

Volantino RD 148

Leggi tutto »

Cambiamenti Trasporto Pubblico Milano 2017

TPL Milano PE 2017 1 Leggi tutto »

Post precedenti «